Comitato

Il Sottocomitato di Correggio della Croce Rossa Italiana nasce il 16 Maggio 1962, quando il Presidente del Comitato Centrale, generale Guido Ferri, firmò l’ordinanza n°980/N in cui, di concerto con il Prefetto di Reggio Emilia, si determinava l’istituzione del Sottocomitato stesso e la sua composizione. La nomina era motivata dal fatto che la Delegazione esistita fino a quel momento si trovava nelle condizioni richieste dalle vigenti disposizioni per divenire Sottocomitato, in seguito alla iscrizione del prescritto numero di soci.
Questi i cinque componenti:

Presidente Dott. Amilcare Bendinelli
Consiglieri Rag. Francesco Formentini,
Prof. Laura Re in Signorelli,
Sig.ra Maria Antonietta Rio in Lasagni,
Prof. Renzo Rio.

A Bendinelli, farmacista, subentrò presto l’industriale Sergio Ponti, a sua volta sostituito , nel 1970, dal medico Udilio Bassoli. Questi restò Presidente del Sottocomitato per un quarto di secolo, fino al 1995, quando lasciò il posto al collega Ivano Argentini (quarto ed ultimo in quanto nel 1997, con la riforma della Croce Rossa, i sottocomitati furono aboliti e le competenze passate alle strutture provinciali).

Hanno poi tenuto le redini del Sottocomitato anche il ragioniere Ivano Accorsi, l’artigiano Agello Fantuzzi, l’avvocato Giuseppe Ferrari, l’imprenditore Enrico Magnani, l’infermiere Alberto Passetti, la signora Eves Tondelli in Montanari. Fu poi commissariato negli anni Novanta dal V.d.S. Vezzani Giorgio, fino ad arrivare al 2005 in cui un processo democratico ha portato il V.d.S. Stefano Maramotti alla presidenza del Comitato Locale di Correggio. Dal novembre 2008, a seguito del commissariamento del livello nazionale della Croce Rossa Italiana anche il Comitato di Correggio è commissariato con la nomina a commissario di Stefano Maramotti.

Nel dicembre 2012, dopo oltre 7 anni, la Croce Rossa di Correggio ha espresso il proprio voto democratico scegliendo il proprio rappresentante: con oltre il 65% delle preferenze è stato eletto Presidente della C.R.I. di Correggio il sig. Claudio Rustichelli.

A seguito del Decreto legislativo 178/2012, la Croce Rossa di Correggio è stata “privatizzata” e a partire dal 01/01/2014 l’Associazione ha assunto la forma giuridica di Associazione di Promozione Sociale, con ragione sociale “Croce Rossa Italiana – Comitato Locale di Correggio”.
L’iter della “privatizzazione”, che ci ha resi autonomi sul piano economico e decisionale, si è concluso con l’iscrizione al Registro Regionale delle APS, avvenuto con Delibera della Giunta Regionale dell’Emilia-Romagna n° 4837 del 21/04/2015, e con l’iscrizione all’Anagrafe Unica delle ONLUS presso l’Agenzia delle Entrate dell’Emilia-Romagna, avvenuta con prot. 12915/2015 e validità 30/10/2014.

Il codice del terzo settore Dlgs 117 del 03.07.2017 ha regolato il nuovo assetto del settore imponendo la realizzazione di modifiche statutarie e per noi la scelta della nuova forma associativa specificando nell’articolo 5 quali siano le attività che caratterizzano gli Enti del Terzo Settore. 

Con atto in data 18/1/2019 n. 849 Croce Rossa Italiana – Comitato di Correggio diviene Organizzazione di Volontariato con n. 4216 al Registro Regionale (OdV), che sostituisce sia la precedente registrazione APS che quella Onlus, mentre rimane attiva la registrazione regionale n. 986 del 28.08.2015 che ci pone tra le attività con riconosciuta personalità giuridica.

In data 21 febbraio 2020, al termine dell’incarico di Milo Bellesia, subentra Marco Gemmi quale presidente affiancato da Angelo Morellini nel ruolo di vice presidente e Graziella Orsini e Tiziano Bizzari quali Consiglieri. Con separata elezione viene eletto il consigliere giovane Mika Tagliavini.

Il Comitato di Correggio ha sede in via Vittorio Veneto 34, posizione strategica alle porte del centro storico ed al contempo a due passi dall’ospedale S. Sebastiano.

Da statuto il Comitato ha competenza di intervento sui comuni di Correggio (abitanti 25500 ca), di San Martino in Rio (abitanti 8.100 ca) e Rio Saliceto (abitanti 6.800 ca) per una popolazione complessiva di oltre 40.000 abitanti. Mentre il servizio di emergenza e ordinari eccede tali aree secondo i fabbisogni della centrale operativa del 118.

La Sede, terminata a metà degli anni ’80, ah visto una rivisitazione del piano terreno nel 2018 ed è dotata di tutto ciò di cui necessita un volontario di servizio:
dalle aree necessarie per lo svolgimento ottimale dei servizi come Centralino, Magazzino materiale sanitario, autorimessa per le ambulanze alle aree in cui poter studiare o svagarsi con gli amici come può essere ad esempio il salone, sala Tv oltre al cortile con biliardino, barbecue e gazebo.

Grazie al Dlgs 1/2018 del 02/010/2018 Codice della Protezione Civile, quest’anno abbiamo aperto al Volontariato Occasionale formato da persone disponibili a svolgere attività di protezione civile a bassa necessità di formazione specifica. L’attuale impiego all’interno del progetto #IlTempoDellaGentilezza li vede impegnati nella preparazione della spesa per le persone in difficoltà o impossibilitate a provvedere autonomamente.

Vuoi raggiungerci? Clicca qui per sapere dove è la nostra sede!

 

 

 

 

 

Leave a Reply